Uno non vale uno

di 27 Dicembre 2023

“L’Occidente, dominato da un solo paese, gli Stati Uniti, che si arroga a gran voce la leadership globale… che non ha più sufficiente forza economica, peso politico, o autorità morale per imporsi. Ancora meno per contenere il dilagare delle guerre… La determinazione dell’America di spaccare il pianeta fra alleati e nemici e imporre la supremazia di una minoranza, mascherandosi con la retorica vuota…

L’Italia dei decenni passati ha saputo giocare un ruolo di cerniera con altre regioni del mondo, in Europa e all’interno dell’Alleanza Atlantica, frenandone il bullismo… Nella campagna elettorale dell’attuale Primo ministro, idee in questa direzione non erano assenti. C’era un’Italia che non fosse pavida, stesa a zerbino sotto le decisioni di potenze esterne, quando queste manchino di lungimiranza… Qualcosa di più serio e ragionato, che partecipare come uno zimbello alle guerre dei signori d’oltre oceano, che spacciano per operazioni di polizia una miope difesa ad oltranza del dominio che stanno perdendo”.

Parola di un fisico teorico, Carlo Rovelli, autore di numerosi apprezzati libri di divulgazione scientifica, ma che di Storia e di politica estera dimostra di non sapere nulla, come io nulla capisco di fisica quantistica. Al quale però, inspiegabilmente, il ‘Corriere della sera’ accorda ricorrentemente spazio!

A conferma dello stato confusionale nel quale l’Italia si è adagiata. Nell’astratto rispetto della libertà di opinione. Che con la completezza dell’informazione non ha nulla a che vedere.

Isolandosi dal mondo circostante, dal quale più di altri dipende.

Facebook Comments Box

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »