A proposito dell’annunciato avvio di un nuovo Partito Liberale

di 19 Gennaio 2023

Un’introspezione dal passato:

“Libertà, una di quelle parole detestabili che contengono un valore più che un significato, che chiedono più di quanto forniscano una risposta … Non vi è nulla di più fecondo di quel che consente alle mentalità di dividersi e di sfruttare le loro differenze, non essendovi alcun punto di riferimento comune che li obblighi a collegarsi …

[Finora] abbiamo voluto che vi fosse una cosa e non un’altra; gli uni e gli altri non cercavano altro che quel che avevano già trovato … Nella rigorosa purezza del pensiero astratto, non esistono doppioni; non vi è che un modello, nessuna materia che consenta la pluralità… Uno stato di oscillazione o di pari possibilità prima dell’atto è l’unica situazione che conti … Ogni speculazione esige che colui che la pratica si metta lui stesso in causa … Appena entriamo in azione (o meglio nel pensare l’azione), ci troviamo invece immersi in un’orribile amalgama di determinismo e casualità … Ogni considerazione sulla ‘libertà’ deve [quindi] condurre  all’esame dei relativi impulsi e costrizioni.

… In politica, la libertà è diventata un ideale, un fermento carico di minacce, che contrappone gli uni ad altri … Se lo Stato è forte, ci schiaccia; se è debole, periamo … Ogni politica, anche la più grossolana, presuppone un’idea dell’uomo, poiché si tratta di disporne, di servirsene e persino di servirlo.

[Ma] ci rendiamo conto che il perimetro del nostro spazio di libertà è mutevole, una pelle di zigrino… Non vi è alcun progresso che non si risolva in servitù”.

(Paul Valéry nel suo “Fluttuazioni sulla libertà” del 1938, un anno prima del collasso dell’intera Europa).

Facebook Comments Box

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

« »