Paritarie. Si faccia un passo avanti

di 20 Luglio 2020

Si faccia un passo avanti. Con coraggio e determinazione. Affinché la maggioranza politica che lo scorso venerdì tre luglio in quinta commissione ha visto raddoppiare i fondi si ripeta nell’approvare gli emendamenti del mondo della scuola paritaria.

Il prossimo 21 luglio 2020 si terrà la 242a Seduta Pubblica e dal sito del Senato leggiamo i testi (http://www.senato.it/2767) delle due Mozioni – depositate ad oggi e rese pubbliche dal sito del Senato – e che saranno oggetto didiscussione e di voto.

In questi mesi, 130 giorni di maratona per la famiglia, è evidente che tutti quanti abbiamo contribuito a riscrivere la grammatica della scuola italiana e finalmente abbiamo abbattuto tutti i pregiudizi sulla scuola paritaria.

Difatti la Mozione sulle Scuole Paritarie del Movimento 5 Stelle, prima firmataria la Sen. Granato (Mozione 1-00256 – 16 luglio 2020)http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindisp&leg=18&id=1160798 finalmente riconosce, ex lege che pubblica è la scuola paritaria come la statale, che la parità è concessa ai sensi di legge, che ci sono una serie di controlli obbligati da parte dello Stato per il mantenimento o la revoca della parità. Dunque non sono nè reprobi nè avvoltoi i 180 mila dipendenti delle scuole pubbliche paritarie, i 900 mila allievi e le loro famiglie denigrati. Questa mozione riscatta 12 mila scuole paritarie e fa un buon servizio alla verità. 

Questo importante risultato è stato raggiunto grazie alla strategia del dialogo con tutte le forze politiche, un dialogo fondato su un confronto scientifico e documentato che ha consentito di chiarire le ragioni sulle quali si regge il sistema scolastico italiano, un sistema integrato perché composto da scuole pubbliche statali e scuole pubbliche paritarie.

Conseguenza del confronto è la soddisfazione con cui si registra che nella Mozione dei 5 Stelle questo principio non è più messo in discussione. 
Va riconosciuto che le premesse della Mozione sono giuridicamente fondate: per questo possiamo e dobbiamo ritenerci soddisfatti, come certamente potranno ritenersi tutte le forze politiche che, all’opposizione e al Governo (PD-IV-LEU), hanno chiesto con noi, dagli scranni del Parlamento come dalle piazze, la garanzia della libertà di scelta educativa della famiglia e la conseguente salvezza della scuola statale e paritaria. 

Ma dopo la luce ecco la tenebra: la Mozione chiede al Governo di adoperarsi a inserire tutta una serie di controlli sulle somme destinate alle paritarie.

Si ribadisce che il capitolo dei controlli è ampiamente all’ordine del giorno e non solo “opportuno” come recita la mozione: “considerato che: nel contesto delineato, in primo luogo ai fini del rispetto dei principi di legalità e buon andamento, appare del tutto opportuno estendere anche alle scuole paritarie le norme in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, ai fini di garantire maggiore conoscibilità e trasparenza nella gestione di tali istituti (fermi restando le verifiche amministrative già previste dalla normativa vigente esposta); difatti, come già avviene per le scuole statali ai sensi della disciplina introdotta a partire dal 2013 dal cosiddetto “decreto Trasparenza”, assolvendo le scuole paritarie private e degli enti locali ad una funzione di natura pubblicistica, pare opportuno assoggettare anch’esse al rispetto di taluni obblighi di pubblicità e trasparenza, con lo scopo prioritario di “favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche”.

Attraverso questo Focus esclusivo “Analisi delle due mozioni sulle Scuole Paritarie” spieghiamo in punta di diritto e di economia, le due gravi incongruenze rispetto allo stato di fatto, i controlli invocati sono già attivi da anni anche per la scuola paritaria.

Pertanto per fare un passo in avanti significativo è da auspicarsi che la maggioranza politica che abbiamo registrato in questi mesi al capitolo scuola veda le opposizioni FDI-FI-LEGA-UDC-NCI-Cambiamo con le forze al Governo PD-IV-LEU e ci auguriamo qualche membro dei 5 Stelle, il 21 luglio 2020 votare favorevolmente la seconda mozione (pubblicata sul sito del Senato).

Mozione (1-00232 -12 maggio 2020) Bernini, Malan, Gallone, Binetti, Lonardo (http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindisp&leg=18&id=1151710)​

Se davvero si vuole rilanciare la scuola italiana e formare studenti critici, la via è molto semplice e le soluzioni servite da 120 giorni al premier: 

1^ – Creiamo le condizioni perché la scuola sia veramente buona per tutti: per farlo bisogna chiarire realmente che rapporto vuole avere lo Stato Italiano con la scuola. Questo è un punto imprescindibile. Garante? Controllore? Gestore unico? 

2^ – E’ necessario quindi agire ora, non ad agosto con misure di emergenza che risulterebbero inutili oltre che dannose. Nelle emergenze per agire occorre unirsi, stringere alleanze, abbattere i muri dell’ideologia. 

Le Linee guida parlano di – “Patti di comunità”: benissimo. Scuola pubblica, statale e paritaria, unita per ricostruire gli Italiani e la loro cultura. Le 12.000 scuole paritarie hanno spazi, aule pronte, teatri, palestre non solo per i 900 mila allievi che le frequentano ma anche per una buona percentuale dei 7 Mln di studenti delle scuole statali. – “Autonomia” per i dirigenti della scuola statale. Autonomia non significa però imparare l’arte di arrangiarsi. I dirigenti della scuola statale potranno finalmente avere l’autonomia ma senza strumenti, ossia le risorse: un fallimento annunciato.

E la scuola ripartirà davvero in sicurezza. Nel contempo il sistema scolastico italiano diventerà di qualità perché più equo.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ANALISI DELLE DUE MOZIONI SULLE SCUOLE PARITARIE

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »