Home

Il baricentro europeo

La pressione della grave crisi esplosa ai nostri confini impone non più di reinventare l’avvenire, bensì di gestire l’esistente. Imponendo coalizioni governative, piuttosto che fidare nella forza trainante di improbabili ‘leader’. Le elezioni legislative in Francia hanno confermato quanto, in Europa, i problemi interni di ogni nazione non possano più...

Leggi tutto

I contraccolpi

Lo scopo, e pertanto l’esito, della sconsiderata iniziativa di Putin in Ucraina rimane incerto. Se ne devono però già registrarne i contraccolpi. Non soltanto sul sistema dei rapporti internazionali, che...

leggi tutto

Il risveglio occidentale

L’azzardo di Putin gli si sta rivoltando contro: isolando la Russia dal novero delle nazioni che contano; esponendola nel Mar Nero; imbottigliandola nel Baltico. Prigioniera, ancora e sempre, dell’antico suo...

leggi tutto

A Washington

Draghi va finalmente a Washington. Un viaggio che presenta molte analogie con quello di De Gasperi nel 1947. Dovrà anche lui presentare un’Italia ideale, della quale non potrà però più...

leggi tutto

Delenda Cartago!

Ogni considerazione sull’aggressione russa all’Ucraina deve partire dalle sue più evidenti conseguenze: da un lato, il deliberato massacro di quella popolazione civile, che ci induce a riesumare il concetto di...

leggi tutto

Il ritorno di Brezhnev!

“Che cosa durerà più a lungo: la resistenza … o l’assassinio organizzato? Le cose si sono messe in modo da escludere ogni compromesso… Preferiscono restare predoni di un deserto o,...

leggi tutto

Una bussola nel mare in tempesta

L’aggressione all’Ucraina ha riproposto l’Unione europea al centro della generale attenzione. Accusarla di inerzia, passività, irrilevanza, significa non comprenderne le caratteristiche interne né i condizionamenti esterni. Il fatto è che,...

leggi tutto

prova

Facebook Comments Box

on Maggio 27 • by

Comments are closed.