• Il muro è caduto?

    Sono passati trent’anni dalla caduta del Muro, il più evidente simbolo della disgregazione di quell’Europa che per secoli, nel bene e nel male, ha fatto la Storia. Eppure, paradossalmente, le celebrazioni si confondono con le recriminazioni per quel che l’Occidente avrebbe dovuto fare e non...
    Leggi questo articolo →


  • L’asino di Buridano

    Preso nel fuoco incrociato fra l’antagonista russo e l’antico alleato americano, che fanno apertamente il tifo per la sua disgregazione, il futuro dell’Europa si è complicato. Mentre le opinioni pubbliche europee, disorientate, si disperdono in molteplici populismi nazionalisti, che rinnegano la solidarietà europea e si...
    Leggi questo articolo →


  • La riconciliazione

    Renzi, alla Leopolda, ha detto enfaticamente di “voler fare come Macron”. Il giorno prima, a Piazza San Giovanni, Salvini, nuovo leader della destra, ha invece stigmatizzato “chi dipende dagli umori di Parigi, Berlino, Bruxelles” (un’affermazione che aveva ripetuto più volte durante il suo faccia a...
    Leggi questo articolo →


  • Liquefazione

    Il mondo, diceva Bauman, è diventato liquido. Ma intendeva malleabile, da plasmare diversamente. I rapporti internazionali si sono invece liquefatti, al punto di non poterne estrarne un senso qualsiasi, una qualche indicazione della direzione che stanno prendendo. L’America è in preda ad un Presidente uscito...
    Leggi questo articolo →


  • Equilibrismi ‘sovranisti’

    Una epidemia investe il globo terracqueo. Il suo nome, ammantato di nazionalismo e/o populismo, è estremismo o radicalismo. Il suo virus si è diffuso ormai non soltanto nei regimi teocratici e autocratici, ma persino nelle nazioni che si vogliono democratiche. In una confusione fra popolo...
    Leggi questo articolo →


  • Il figlio prodigo

    Caro collega straniero, faccio seguito alla mia precedente missiva, per esortarti a non perderti d’animo nel percorrere il labirinto politico italiano. E persuaderti che il principale intendimento dell’inedita formazione governativa è di rimettere l’Italia in carreggiata, sulla retta via. Che vi riesca, rimane da vedere....
    Leggi questo articolo →


  • “La situazione resta oscura”

    L’avvento di un giovinetto inesperto alla ‘poltrona’ di Ministro degli Esteri dimostra quanto, nell’opinione pubblica e politica, quella funzione sia diventata irrilevante, al più area di parcheggio per personalità politiche ingombranti. Un risultato al contempo causa e conseguenza di una politica estera degradatasi ad appendice...
    Leggi questo articolo →


  • No comment

    Un’Italia sempre imprevedibile, dalle circonvoluzioni incomprensibili ai più, è riuscita ancora una volta ad estrarre il coniglio dal cappello. Un esito che potrà forse attenuare le perplessità degli ambienti politici e finanziari internazionali, sempre in attesa di conoscere le intenzioni di lungo periodo ed i...
    Leggi questo articolo →


  • La commedia dell’arte del G7

    Il G7, che raccoglie le democrazie liberali ed economie liberiste, dovrebbe rappresentare la cabina di regia di un Occidente intenzionato a riprendere le fila di una situazione internazionale disordinata. Al cospetto di altri pretendenti meno disposti ad accettare le regole collaborative dell’internazionalismo liberale. Un club...
    Leggi questo articolo →


  • L’immigrazione ‘fluida’

    Continuano implacabili, sulle nostre coste, le ondate di immigranti illegali, con il loro strascico di prese di posizione inconciliabili fra buonisti e rigoristi, sfruttate anche altrove a fini elettorali. Senza che si riesca ad individuarne un barlume di possibile soluzione. Particolarmente intensa, in materia, è...
    Leggi questo articolo →