• È sempre tempo di esami

    All’inizio del nuovo anno scolastico sarebbe stato lecito attendersi qualche discussione di più stringente attualità, non ultimo un bel dibattito sul cosa fare (di immediato e non nella logica dello spero, promitto e iuro caro ai liceali di ogni generazione) per avere tutti i docenti...
    Leggi questo articolo →


  • La buona scuola

    Molto più del recente rapporto del governo “La buona scuola”, un imprescindibile punto di partenza per discutere di riforme scolastiche sono i due dati, a cura dell’associazione Openpolis, che l’Espresso oggi in edicola pubblica nella rubrica “Riservato”. Su 27 paesi dell’Unione Europea l’Italia si colloca...
    Leggi questo articolo →


  • La questione settentrionale scolastica

    Come in molte altre circostanze, la cosa si può osservare da almeno due punti di vista. “Visto da destra” e “Visto da sinistra” era una delle formule ricorrenti che alcuni giornali, cosiddetti “cerchiobottisti”, adoperavano per fornire ai propri lettori due sguardi divergenti su un medesimo...
    Leggi questo articolo →


  • Quello sbagliato

    Ogni tanto bisognerebbe evitare di indulgere a qualche sottovalutazione di troppo, a considerare le parole come poco pesanti o innocue. Resistere alle volgarità, alle battute pseudo-salaci, alle molte voci dal sen sfuggite e presto dimenticate. Le parole sono pietre e le pietre pesano e fanno...
    Leggi questo articolo →


  • Il discredito della valutazione: tre indizi, una prova

    Se, come si dice, un indizio è un indizio, due indizi fanno una coincidenza e tre indizi fanno una prova, figurarsi cosa dovrebbero fare quattro o cinque indizi. Proviamo ad allinearli. Tito Boeri ha ricordato, qualche giorno fa su “Repubblica”, che docenti e studenti si...
    Leggi questo articolo →


  • L’amaro in bocca dell’informazione religiosa

    L’informazione religiosa, quando a esprimersi in materia sui giornali sono articolisti cosiddetti “laici”, lascia talvolta l’amaro in bocca. Non è raro notare approssimazione, sciatteria, superficialità, un uso spesso impreciso del linguaggio, poca cura delle distinzioni, scarsa attenzione per questioni che non dovrebbero essere (e non...
    Leggi questo articolo →


  • Gesù, Pilato, Barabba, la folla

    Un libro recente di Giorgio Agamben (Pilato e Gesù, Nottetempo, 2013) ripropone, con una riflessione dai tratti “spiazzanti”, l’enigmatica figura di Pilato, che i Vangeli presentano con «l’intenzione di costruire un personaggio con la sua psicologia e i suoi idiotismi». Pilato è colui che deve...
    Leggi questo articolo →


  • Senza maestri (dal ministro Boschi al discredito di un ruolo)

    Forse, potrebbe trattarsi di una precisa tendenza dello spirito del tempo, magari da cogliere e interpretare, oppure di semplici coincidenze, nemmeno da nobilitare con l’aggettivo “significative” impiegato diversi anni addietro da Giorgio Galli sulla scia della sincronicità junghiana, ma sta di fatto che un pesante...
    Leggi questo articolo →


  • Riforme a “spizzico” per la scuola?

    Si parla tanto di scuola, in questi giorni, sui giornali e in televisione. L’occasione (propizia?) è data dal cambio di governo e dalle prime dichiarazioni del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e del neo-ministro della Pubblica Istruzione Stefania Giannini (il terzo rettore universitario, in pochi...
    Leggi questo articolo →


  • Un appello per la filosofia o della necessità dell’inutile

    L’Appello per la filosofia promosso da Roberto Esposito, Adriano Fabris e Giovanni Reale e pubblicato sul sito dell’editrice La Scuola mette il dito in una “piaga” che, da diversi anni, regolarmente si riacutizza ogni qualvolta sia in questione (e in discussione) la riforma degli ordinamenti...
    Leggi questo articolo →