• Lezioni americane 2

    Ci sono delle pepite, nel voto americano, su cui vale la pena riflettere. Non ci sono dubbi sulla vittoria di Donald Trump, che, infatti, pressoché tutti definiscono: trionfo. E’ così. Ma neanche ci sono dubbi sul fatto che Clinton ha preso più voti di lui....
    Leggi questo articolo →


  • Lezioni americane

    Abbiamo conosciuto il candidato Donald Trump, conosceremo il presidente. Il primo non mi è piaciuto. Credo che il secondo sarà coerente nel rappresentare gli umori che lo hanno portato alla Casa Bianca, ma dovrà cambiare. Perché governare non è comiziare. La democrazia statunitense è forte...
    Leggi questo articolo →


  • Forza Usa

    Viviamo la campagna elettorale Usa come se fosse nostra, anche se non votiamo. Sappiamo che ci riguarda e ce ne sentiamo coinvolti. Il che è un bene. Meglio, però, se si è capaci di trarne degli insegnamenti e delle indicazioni. A prescindere dal risultato, che...
    Leggi questo articolo →


  • Revival

    La gazzarra in piazza non è una manifestazione per il No, ma uno spot per il Sì. A quanti non s’accodano al pifferaio costituzionale è rimproverata l’eterogeneità e la contraddittorietà della compagnia. Strano argomento: se soggetti solitamente conflittuali si ritrovano assieme vorrà forse dire non...
    Leggi questo articolo →


  • Disgrazie e disgraziati

    L’inchiostro con cui è stato scritto il nuovo codice degli appalti pubblici è ancora fresco, ma il testo già ammuffito. Dopo l’ennesimo terremoto è tutto un fiorire di richieste di procedere in deroga, d’urgenza, senza troppi impicci. Ma perché mai, di norma, dovremmo tenerceli? Già...
    Leggi questo articolo →


  • Pietismo impietoso

    Fra tentate imposizioni e barricate per fermarle è lo Stato a uscirne sconfitto. Chi dovrebbe incarnarlo moraleggia a sproposito, anziché provare a essere all’altezza del ruolo che ricopre. Non sono certo dodici donne e cinque bambini, quale che sia la loro provenienza, a potere fare...
    Leggi questo articolo →


  • Lettere e cartoline

    Non può e non deve essere una lettera della Commissione europea a mettere in crisi il governo. Neanche può essere una cartolina del governo italiano, illustrata con foto taroccate, a cancellare l’incoscienza con cui si (s)governano i conti pubblici. Chi pretende di non dipendere dalle...
    Leggi questo articolo →


  • Pasticcio Bankitalia

    Hanno messo la Banca d’Italia nei pasticci. Era l’ultima cosa di cui avevamo bisogno. Mancano poche settimane e c’è il rischio che la faccenda non sia più occultabile. Abbiamo un doppio rammarico: perché si tratta di un’istituzione importante e perché avevamo previsto che le cose...
    Leggi questo articolo →


  • Il ritorno dello spread

    Dopo mesi passati a pendere dalle sue bizze, lo spread era stato seppellito nel silenzio. Da tempo è tornato a farsi sentire, anche se solo ora anche altri se ne accorgono. Sostiene il Sole 24 Ore che il nostro è superiore a quello spagnolo a...
    Leggi questo articolo →


  • Scegliere e proteggere

    Se esporti competenza e intraprendenza, importando clandestinità ed economia nera, il saldo non può che essere disperante. Ora che cercano di spiegarci, gli svizzeri da una parte e gli inglesi dall’altra, che i “lavoratori stranieri” siamo noi, ora che contiamo sopra il centinaio di migliaia...
    Leggi questo articolo →