• Tempo e denaro buttati

    Di tempo ne abbiamo buttato parecchio, smettiamola. Quello appena avviato è l’ultimo anno in cui la copertura della Banca centrale europea, sul fronte dei tassi d’interesse, sarà piena e sicura. Il tassametro del debito pubblico tornerà a correre più velocemente. Il tempo costa e qui...
    Leggi questo articolo →


  • Stelle mendaci

    Per i pentastellati quello di Roma non è un incidente di percorso, ma la materializzazione di un molteplice tradimento della credulità popolare. Forse non ne subiranno un danno elettorale, giacché nessun elettore ha mai pensato di farsi governare da un’accolita di logorroici incompetenti. Li hanno...
    Leggi questo articolo →


  • Nani e scalate

    Il nazionalismo economico è un’illusione, ma il provincialismo finanziario è un crimine. Ce l’abbiamo messa tutta per impedire la crescita di grandi gruppi italiani. Mentre altri favorivano l’espansione continentale dei loro campioni noi spezzavamo le gambe ai nostri. Ce l’abbiamo messa tutta nel difendere una...
    Leggi questo articolo →


  • Fotocopie ingannevoli

    Tutti hanno notato le uguaglianze, ma il gioco consiste nel vedere e capire le differenze. Nel passaggio fra il governo Renzi e il governo Gentiloni la principale differenza consiste nel fatto che prima il Partito democratico e il governo erano la stessa cosa, ora sono...
    Leggi questo articolo →


  • I preveggenti del dopo

    Ci sono i preveggenti, che vedono le cose in anticipo. Ci sono i normali vedenti, che osservano la realtà e la raccontano. Poi ci sono gli editorialisti dei giornaloni, le coscienze travagliate e sensibili, che fingono di vedere le cose in ritardo, per non ammettere...
    Leggi questo articolo →


  • Parrucconi e scapestrati

    Prima che qualcuno torni a prendersela con i parrucconi si provi a fermare gli scapestrati, quelli del: votiamo subito. I più, fra loro, sanno che è una corbelleria, che non si può fare, ma lo ripetono per sembrare vincenti, impetuosi, in crescita. Cresce, invece, solo...
    Leggi questo articolo →


  • Buone dalle urne

    Le urne del 4 dicembre hanno restituito due risultati positivi. Più qualche dettaglio, su cui ragionare. Il primo dato positivo arriva dall’Austria. E si deve conoscerlo, per apprezzarlo. Non solo Alexander Van Der Bellen è stato confermato presidente, così evitando il non confortante cambio della...
    Leggi questo articolo →


  • Hasta la svista

    Un caudillo nazionalista che vestì i panni del comunista, per fondare e reggere la più longeva dittatura sudamericana. Poi consegnata nelle mani del fratello. La cosa più interessante di Fidel Castro non è il brutale dispotismo con cui è riuscito ad annientare le libertà di...
    Leggi questo articolo →


  • Crauti e vongole

    Guardi la Germania e capisci meglio l’Italia. Da noi si dice della loro stabilità e organizzazione, magari traendone anche qualche considerazione non troppo rassicurante. Siamo i primi, parlando di noi stessi, a pigiare il piede sull’acceleratore dei luoghi comuni. Il fatto è che sono, in...
    Leggi questo articolo →


  • Sotto il 4 niente

    Che si tratti di politica, di affari o di altro, si finisce con il dirsi: vediamoci dopo il 4 dicembre. E’ diventata una gag. Dalle parti del governo hanno dovuto ammettere che è stato un errore personalizzare troppo il referendum. Ma non nel senso che...
    Leggi questo articolo →