• Asilanti non ciondolanti

    Piuttosto che lasciarli a ciondolare, meglio mettere i richiedenti asilo a lavorare. Meglio per loro, perché la nullafacenza è umiliante. Meglio per quanti li vedono passeggiare, perché a chi tocca lavorare la cosa genera umori d’umana incomprensione. Le parole e le iniziative del ministro dell’Interno,...
    Leggi questo articolo →


  • Ordalia disinnescata

    Due referendum ammessi e uno bocciato. Così la Corte costituzionale ha disinnescato l’ordalia che la Cgil aveva ideato, sui temi del lavoro. Cade l’ipotesi che le elezioni anticipate immediate siano il rimedio. Due riforme sarebbero sufficienti, se proprio il legislatore non vuole i referendum, ma...
    Leggi questo articolo →


  • Marcio in banca

    E’ giusto conoscere i nomi dei principali e meno puntuali debitori, nel momento in cui delle banche vengono salvate con i soldi del contribuente. Ma non basta. Lo ha chiesto anche il presidente dell’Associazione bancaria italiana, Antonio Patuelli (“a titolo personale”, cosa non priva di...
    Leggi questo articolo →


  • 1959

    La deflazione è una brutta cosa, ma la confusione e l’illusione l’aggravano. Un comunicato dell’Istat ha informato che l’Italia del 2016 è in deflazione e che il solo precedente storico, nel dopoguerra, si trova nel 1959. Seguendo alla cieca queste due date non pochi titoli...
    Leggi questo articolo →


  • Tempo e denaro buttati

    Di tempo ne abbiamo buttato parecchio, smettiamola. Quello appena avviato è l’ultimo anno in cui la copertura della Banca centrale europea, sul fronte dei tassi d’interesse, sarà piena e sicura. Il tassametro del debito pubblico tornerà a correre più velocemente. Il tempo costa e qui...
    Leggi questo articolo →


  • Stelle mendaci

    Per i pentastellati quello di Roma non è un incidente di percorso, ma la materializzazione di un molteplice tradimento della credulità popolare. Forse non ne subiranno un danno elettorale, giacché nessun elettore ha mai pensato di farsi governare da un’accolita di logorroici incompetenti. Li hanno...
    Leggi questo articolo →


  • Nani e scalate

    Il nazionalismo economico è un’illusione, ma il provincialismo finanziario è un crimine. Ce l’abbiamo messa tutta per impedire la crescita di grandi gruppi italiani. Mentre altri favorivano l’espansione continentale dei loro campioni noi spezzavamo le gambe ai nostri. Ce l’abbiamo messa tutta nel difendere una...
    Leggi questo articolo →


  • Fotocopie ingannevoli

    Tutti hanno notato le uguaglianze, ma il gioco consiste nel vedere e capire le differenze. Nel passaggio fra il governo Renzi e il governo Gentiloni la principale differenza consiste nel fatto che prima il Partito democratico e il governo erano la stessa cosa, ora sono...
    Leggi questo articolo →


  • I preveggenti del dopo

    Ci sono i preveggenti, che vedono le cose in anticipo. Ci sono i normali vedenti, che osservano la realtà e la raccontano. Poi ci sono gli editorialisti dei giornaloni, le coscienze travagliate e sensibili, che fingono di vedere le cose in ritardo, per non ammettere...
    Leggi questo articolo →


  • Parrucconi e scapestrati

    Prima che qualcuno torni a prendersela con i parrucconi si provi a fermare gli scapestrati, quelli del: votiamo subito. I più, fra loro, sanno che è una corbelleria, che non si può fare, ma lo ripetono per sembrare vincenti, impetuosi, in crescita. Cresce, invece, solo...
    Leggi questo articolo →