• Populisti

    Con “populismo” si pretende di identificare troppe cose, spesso opposte fra loro. La radice storica di questo movimento, ad esempio, non ha nulla a che vedere con il modo in cui il concetto è utilizzato oggi. Né ha molto senso usare “populista” al posto di...
    Leggi questo articolo →


  • Eurotasse immaginarie

    Non c’è nessuna imposta, tassa o accisa chiesta dall’Europa. Come stoltamente s’è preso a chiamare quel che arriva dalle istituzioni dell’Unione europea. La pressione fiscale cresce per l’insipienza dei governi italiani, che hanno fatto diventare la “spending review” un genere letterario, anziché una sana pratica...
    Leggi questo articolo →


  • Disoccupati senza Europa

    La disoccupazione italiana è, a dicembre 2015, la più alta dal giugno precedente (12 contro il 12.2%). Quella europea, nello stesso mese, è la più bassa dal 2009 (9.6 contro 9.7%). La nostra disoccupazione è stabile rispetto al mese precedente, novembre, ma in crescita (+0.4)...
    Leggi questo articolo →


  • Alibi bugiardo

    Non ci sono ostacoli europei alla spesa necessaria per il soccorso ai terremotati. Provare a far credere il contrario è una furbata cinica e macabra, capace solo di attirarci quella procedura d’infrazione che sarebbe di sicuro un grande problema, come realisticamente il ministro dell’economia ammette....
    Leggi questo articolo →


  • Frullatellum

    Il senso della sentenza costituzionale è: volendo, si può votare anche subito. Il tempo impiegato, superiore alle previsioni della Corte stessa, non riflette una discussione dottrinaria, ma lo scontro fra ipotesi opposte. Da una parte c’era l’inopportunità che anche per la Camera, dopo che ciò...
    Leggi questo articolo →


  • Fuori mercato

    Nella pubblica amministrazione c’è gente che lavora, con cuore e testa, ma c’è anche gente che punta a non fare nulla. Se possibile anche a non metterci piede. C’è qualità e c’è sciatteria, il risultato medio è sconfortante. Guardando gli incrementi di stipendio, dal 2005...
    Leggi questo articolo →


  • Asilanti non ciondolanti

    Piuttosto che lasciarli a ciondolare, meglio mettere i richiedenti asilo a lavorare. Meglio per loro, perché la nullafacenza è umiliante. Meglio per quanti li vedono passeggiare, perché a chi tocca lavorare la cosa genera umori d’umana incomprensione. Le parole e le iniziative del ministro dell’Interno,...
    Leggi questo articolo →


  • Ordalia disinnescata

    Due referendum ammessi e uno bocciato. Così la Corte costituzionale ha disinnescato l’ordalia che la Cgil aveva ideato, sui temi del lavoro. Cade l’ipotesi che le elezioni anticipate immediate siano il rimedio. Due riforme sarebbero sufficienti, se proprio il legislatore non vuole i referendum, ma...
    Leggi questo articolo →


  • Marcio in banca

    E’ giusto conoscere i nomi dei principali e meno puntuali debitori, nel momento in cui delle banche vengono salvate con i soldi del contribuente. Ma non basta. Lo ha chiesto anche il presidente dell’Associazione bancaria italiana, Antonio Patuelli (“a titolo personale”, cosa non priva di...
    Leggi questo articolo →


  • 1959

    La deflazione è una brutta cosa, ma la confusione e l’illusione l’aggravano. Un comunicato dell’Istat ha informato che l’Italia del 2016 è in deflazione e che il solo precedente storico, nel dopoguerra, si trova nel 1959. Seguendo alla cieca queste due date non pochi titoli...
    Leggi questo articolo →