• Debito sale e scende

    Il debito pubblico scende. Così di legge nella variazione di bilancio, scritta dal governo. Il debito pubblico cresce e tocca nuovi record, avverte la Banca d’Italia. Prima che i lanciatori di dati si scatenino, cercando di dimostrare che l’uno o l’altro conferma le tesi della...
    Leggi questo articolo →


  • Eia eia alalà

    L’idea dell’onorevole Emanuele Fiano è sbagliata sotto tutti i punti di vista. Il guaio è che una Camera ottusa l’ha seguito. Ottusa e, come vedremo, ignorante. Un’idea anche nobile, negli intenti, ma nefanda nelle conseguenze. Il fascismo è parte della storia nazionale. Una parte certo...
    Leggi questo articolo →


  • Accusatori meritati

    La destra parla da anni di giustizia utilizzata come arma politica, di complotti subiti e di supposti colpi di Stato. Da sinistra li guardavano con sufficienza e compatimento. Circa l’inchiesta Consip e quel che sta emergendo dice Luigi Zanda, capogruppo del Pd al Senato: “se...
    Leggi questo articolo →


  • Rivolte opportune, ma immaginarie

    Non fosse estate, sarebbe opportuna una protesta degli studenti. Non lo sciopero per schivare la scuola, ma per dare voce a chi studia volendo migliorare. Ecco la tanto evocata e falsamente deprecata “scuola di classe”: quella che non promuove chi è meritevole, ma svantaggiato. Lasciando...
    Leggi questo articolo →


  • La resa alla spesa

    Che il commissario al taglio della spesa pubblica proponga di non ridurre il deficit, avendo noi un debito che ci strangola, è già curioso. Che si spinga a chiedere la revisione del Fiscal compact, di fatto già sospeso, significa che non ha chiara la sua...
    Leggi questo articolo →


  • Draghi, per vocazione o disperazione

    Saremo la coda del ciclo elettorale europeo. Durezze e brividi ci sono stati ovunque, ma gli elettori europei hanno scelto con libertà e ragionevolezza. Nessuno ha interesse a che la coda sia avvelenata, benché appesantita dal più alto e coriaceo debito pubblico. Nessuno, fra gli...
    Leggi questo articolo →


  • Diseducazione elettorale

    Non esistono leggi elettorali buone o cattive in sé, ma coerenti o meno con il sistema istituzionale nel quale operano. Pensare di adottarne una sperimentata altrove e supporre di poterne ricavare i medesimi effetti è stolto. Come trovarsi su una vetta innevata e proporsi di...
    Leggi questo articolo →


  • I David di culatello

    Certe serate kurturali servono a ricordare che si potrebbero usare meglio i soldi del contribuente. Se vi serve qualcuno che faccia un discorso retorico e melenso, ricolmo di luoghi comuni e che sia spiritoso come il marito mattacchione di vostra zia beghina, quando il Natale...
    Leggi questo articolo →


  • I nemici d’Europa

    Terminata l’orgia retorica e commemorativa, proviamo a usare le ricorrenze per la sola cosa utile: l’esercizio della memoria. Nei discorsoni sono tutti europeisti, salvo aggiungere che dovrebbe essere corretta e funzionare meglio. Come, però, non lo dicono. Invece che i celebranti, a me interessano i...
    Leggi questo articolo →


  • Mini decreto maxi errore

    Abbiamo cancellato i voucher, dicono al governo, perché non sarebbe stato saggio dividere gli italiani, ma avremo presto i mini jobs, ricalcando l’esempio tedesco. E’ una buona cosa? Lo sarebbe, ma temo si sottovaluti il modo e il tempo, che contraddicono l’obiettivo. In una democrazia...
    Leggi questo articolo →