• Chi corre e chi cade

    Come facciamo a non buttare via il tempo che ci divide dalle prossime elezioni, posto che la legislatura appena nata è già morta per insipienza e incapacità politica? Il nostro debito pubblico ha superato un nuovo record, ma i dati vanno letti sapendo leggere: è...
    Leggi questo articolo →


  • Manette intimidatorie

    Se a nessuno passa un brivido per la schiena è segno che la barbarie ha preso il sopravvento sul diritto. Se si guarda a Sergio De Gregorio solo come al parlamentare in vendita, a Nicola Cosentino come al campano accusato di camorra che neanche i...
    Leggi questo articolo →


  • Cimento papale

    L’insediarsi di una nuova guida della cattolicità è questione che può sollecitare le riflessioni di un laico. Chiarendo che in questa autodefinizione c’è un margine d’equivoco: nelle altre lingue il “laico” è colui il quale non è prete, o non appartiene a un determinato ordine,...
    Leggi questo articolo →


  • Le parole del Colle

    Chi si dedica all’aritmetica parlamentare non solo non riesce a far tornare i conti, ma trascura il dato politico più rilevante: l’emergere dello scontro interno al Partito democratico e la rotta di collisione fra la segreteria di quel partito e il Quirinale. Tutta la manfrina...
    Leggi questo articolo →


  • Dal tifo all’intifada

    Bisogna fermare l’aggressione giudiziaria a Silvio Berlusconi. Non per salvare lui, ma per salvare la sinistra. Per salvare noi. Troppi non se ne rendono conto, ma siamo nuovamente alla tentazione tribale di fare un sacrificio umano per buttarci il presente alle spalle. In quel modo,...
    Leggi questo articolo →


  • Falkland e sovranità

    La tentazione di far spallucce e liquidarla come una storia assai lontana, dai tratti quasi folkloristici, è forte, ma il referendum tenutosi nell’arcipelago delle Falkland serve a ricordarci che i conflitti per il dominio territoriale non sono storia lontana, ma presente. E serve anche a...
    Leggi questo articolo →


  • Tornino a bordo

    Tornino a bordo, accidenti. Lo scoglio contro cui s’è schiantata la nave Italia non è mica il voto ingrillato, quella è solo acqua che entra dal buco. Lo scoglio è l’asfissia fiscale e creditizia cui è sottoposto il mondo produttivo, accompagnata dalla paura imposta a...
    Leggi questo articolo →


  • Marò, peggio non si poteva fare

    Peggio non poteva essere gestita e peggio non poteva andare. La vicenda dei due marò segna una grave rottura nei rapporti fra l’Italia e l’India, a tutto danno nostro. Non credo le autorità indiane si dispiacciano per la scelta tardivamente e malamente fatta dal nostro...
    Leggi questo articolo →


  • Via d’uscita, alla francese

    La politica italiana sembra presa dalla maledizione di Dedalo, il quale costruì il labirinto, voluto da Minosse per rinchiudervi il Minotauro, e ne rimase prigioniero. Provò a fuggire volando, con il figlio Icaro, ma le ali erano appiccicate con la cera e il sole le...
    Leggi questo articolo →


  • Grilli & Passera devono dimettersi

    Credo che Vittorio Grilli, ministro dell’economia, e Alessandro Pansa, presidente di Finmeccanica, debbano dimettersi. Subito. Essi sono professionisti con grande competenza e preparazione, cittadini stimabili cui nessuno, che io sappia, ha contestato violazioni della legalità. Ma la loro condotta è incompatibile con il posto in...
    Leggi questo articolo →