• I David di culatello

    Certe serate kurturali servono a ricordare che si potrebbero usare meglio i soldi del contribuente. Se vi serve qualcuno che faccia un discorso retorico e melenso, ricolmo di luoghi comuni e che sia spiritoso come il marito mattacchione di vostra zia beghina, quando il Natale...
    Leggi questo articolo →


  • I nemici d’Europa

    Terminata l’orgia retorica e commemorativa, proviamo a usare le ricorrenze per la sola cosa utile: l’esercizio della memoria. Nei discorsoni sono tutti europeisti, salvo aggiungere che dovrebbe essere corretta e funzionare meglio. Come, però, non lo dicono. Invece che i celebranti, a me interessano i...
    Leggi questo articolo →


  • Mini decreto maxi errore

    Abbiamo cancellato i voucher, dicono al governo, perché non sarebbe stato saggio dividere gli italiani, ma avremo presto i mini jobs, ricalcando l’esempio tedesco. E’ una buona cosa? Lo sarebbe, ma temo si sottovaluti il modo e il tempo, che contraddicono l’obiettivo. In una democrazia...
    Leggi questo articolo →


  • Il peggio del caso Minzolini

    Un inciucio salvacasta ha conservato il seggio senatoriale di Augusto Minzolini? No, le cose stanno in modo peggiore. La scena restituisce gli effetti di un’implosione che è prima culturale, poi politica e infine morale. Tre sono gli aspetti rilevanti. 1. Al di là della solidarietà...
    Leggi questo articolo →


  • Cose turche

    Il governo turco ha la pretesa di fare campagne politiche in casa d’altri. La scadenza che preme a Recep Tayyip Erdoğan è il suo referendum del prossimo 26 aprile, con il quale trasformerà la Repubblica parlamentare in presidenziale, accrescendo il proprio potere, già enorme, e...
    Leggi questo articolo →


  • Vieni avanti, decretino

    Vade retro voucher. Vieni avanti decretino. C’è un esercito di disoccupati, la crescita resta inchiodata alla metà della media europea, ma il dibattito si anima attorno ai voucher, rei di avere troppo funzionato. Chi se ne importa delle 800 mila persone in qualche modo uscite...
    Leggi questo articolo →


  • Colpe con o senza reato

    Quando s’imparerà a non confondere le accuse con i giudizi, i procuratori con i giudici, i racconti dei coinvolti con le prove, e quando s’imparerà a non farlo a intermittenza, a seconda che gli interessati siano sodali o avversari, non sarà mai troppo presto. Lo...
    Leggi questo articolo →


  • Il silenzio degli onesti

    Licenziare gli imbroglioni del cartellino sarebbe il minimo, sebbene l’esperienza dice che non accadrà, ma non basterebbe. In un ospedale non possono mancare 95 presunti lavoratori senza che la cosa sia evidente a tutti. A meno che non si tratti di gente totalmente inutile. In...
    Leggi questo articolo →


  • Conti di fine anno

    Il modo in cui s’annaspa fra i conti pubblici potrebbe indurre compatimento, ma fa paura l’idea che così si proceda verso il dirupo di fine anno. La commissione europea ci chiede un aggiustamento di 3.4-3.2 miliardi. Non solo è poco, ma se si correggono i...
    Leggi questo articolo →


  • Decreti e gride

    C’è un solo modo per evitare che le violenze commesse da alcuni inneschino paure pericolose e rifiuti generalizzati: individuare e punire i responsabili, scagionando chi fosse accusato a sproposito. Far funzionare la giustizia. Le società in cui la giustizia non riesce a essere la risposta...
    Leggi questo articolo →