• Teste e urne vuote

    Le urne elettorali sono sempre più vuote. Il fatto è che son vuote anche le teste di quanti vorrebbero essere votati. Dalla Sicilia a Ostia l’appuntamento elettorale è trattato manco fosse un giudizio divino e da quello dipendessero le sorti del mondo, ma, a dispetto...
    Leggi questo articolo →


  • Colpa mia. E vostra.

    Nelle urne siciliane vedo sei cose, come da tradizione anticipatrici degli eventi continentali. 1. Le elezioni senza gli elettori. Vota meno della metà degli aventi diritto, in discesa rispetto al passato. La cosa viene letta con immediata valenza negativa, ma c’è anche un risvolto positivo:...
    Leggi questo articolo →


  • Falso dio referendario

    Un’altra candela s’è sprecata, sull’altare dell’urnolatria. Un altro sasso s’è aggiunto, alla frana che incombe su tutti. Il guaio più grosso è che tanti cittadini lombardi e tantissimi veneti possono ben dire: io ho votato. E’ difficile, ora, dire loro: mi spiace, ma non è...
    Leggi questo articolo →


  • Ancora Caporetto

    Caporetto (24 ottobre 1917), cento anni fa. Fu e divenne il simbolo della disfatta nazionale. Diversa la natura, ma analogo il disfacimento, simboleggiato da un’altra data: 8 settembre 1943, l’armistizio, la fuga del re e dello Stato, lo sbando delle forze armate, il fuoco della...
    Leggi questo articolo →


  • Indagato a sua insaputa

    Temo che il capo della procura romana, Giuseppe Pignatone, si accorgerà presto che tentare di raddrizzare una roba stortignaccola distorcendola ulteriormente non porta a nulla di diritto. Accortosi della solare, arcinota e oramai antica evidenza, ovvero che un avviso di garanzia finisce con l’essere considerato...
    Leggi questo articolo →


  • Oltre la destra

    Spiegarsela con il “trionfo della destra” aiuta a colorire le cose, ma non a capirle. Quando tutti vedono una cosa provo a guardare da un’altra parte, giusto per accertare che non stia sfuggendo qualche cosa, nascosta da tanta uniformità. Ed è quel che sta accadendo....
    Leggi questo articolo →


  • Rosato acetato

    Si poteva fare peggio, benché occorresse impegno. La legge Rosato (mettere tutto in “um” è un segno evidente di rincitrullimento collettivo) è così brutta da sollecitare due domande: a che serve? a chi giova? Le risposte non sono affatto ovvie. Telegrafica premessa: ci sono due...
    Leggi questo articolo →


  • Morbo Etruria

    La piaga di Banca Etruria non è l’unica, non è chiusa e non si limita a quella bancarotta. Si tratta di un’infezione ancora attiva e assai pericolosa. Metterci dentro il dito non è sadomasochismo, ma il minimo che si possa e debba fare per evitare...
    Leggi questo articolo →


  • Urnolatria & urnocrazia

    Il pasticcio catalano, impastando la demagogia indipendentista e la spropositata reazione del governo, pone due problemi a tutti: la gestione dei separatismi e delle consultazioni popolari. La loro portata è generale, non solo ispanica. Anticipo la conclusione: con il diffondersi dell’urnolatria, nella sciocca supposizione che...
    Leggi questo articolo →


  • C’è altro, nelle urne tedesche

    Nel voto tedesco vedo cose ben diverse da quelle che tutti gli altri commentano. Il lettore è avvisato, quindi. Ma a me la storia del crollo e della vittoria-sconfitta non mi convince. 1. Per la terza volta consecutiva il governo uscente vince le elezioni. Da...
    Leggi questo articolo →