• L’ultima ideologia? Un mondo senza più umani

    Da qualche tempo uno dei nuovi e più interessanti argomenti del dibattito filosofico, direi soprattutto di quello specialistico, concerne il tema del “postumano”. Si tratta ovviamente di una tematica ampia che include, in maniera più o meno controversa, una galassia di correnti di pensiero, idee,...
    Leggi questo articolo →


  • Il rimedio peggiore del male

    Le vie dell’inferno a volte sono, o potrebbero essere, lastricate di buone intenzioni. E non c’è dubbio che l’intenzione del legislatore di combattere le molestie sessuali nei luoghi di lavoro, a cominciare dalla pubblica amministrazione, abbia a tutta prima l’aria di essere un’iniziativa lodevole. Quale...
    Leggi questo articolo →


  • Perché dire no all’educazione di Stato

    Nell’antica Sparta, esempio paradigmatico di “società chiusa”, i genitori non avevano il diritto di allevare i propri figli. Dovevano sottoporli all’esame del consiglio degli anziani che ne decideva la vita o la morte a seconda della sana o cagionevole salute. Superato positivamente questo esame, essi...
    Leggi questo articolo →


  • Maledetto Ottobre rosso!

    “I dieci giorni che sconvolsero il mondo”, come li ebbe a definire il giornalista americano John Reed, autore di un racconto “in presa diretta” degli avvenimenti che portarono i bolscevichi di Lenin a conquistare il potere il 7 novembre di un secolo fa (25 ottobre...
    Leggi questo articolo →


  • Galasso e il laboratorio della storia

    Bisogna forse partire dalle ultime pagine per capire tutta l’importanza, e il senso, di quest’ultimo, preziosissimo lavoro, di Giuseppe Galasso: Storia della storiografia italiana. Un profilo (Laterza, pagine 224, euro 20) È in esse, infatti, quelle dedicate all’oggi, e alle prospettive future della storiografia, che,...
    Leggi questo articolo →


  • Melograni, il liberale venuto da sinistra

    Diceva Raymond Aron, a cui lo spirito della boutade certo non mancava, che solo chi è stato un fervente e attivo comunista da giovane può essere un coerente liberale nell’età matura. Piero Melograni, il grande storico commemorato all’Accademia dei Lincei a cinque anni dalla morte...
    Leggi questo articolo →


  • Gli azionisti e Croce

    Deluso, quasi sconsolato, il 13 novembre 1943 Benedetto Croce consegna ai Taccuini di lavoro questa riflessione: “Ho lavorato a dare chiari e saldi concetti su quel che è il liberalismo, purgandolo non solo da miscugli democratico-demagogici che aprono la via alle dittature, ma da tendenze...
    Leggi questo articolo →


  • Addio a Villari, riscrisse la storia del Mezzogiorno

    Con Rosario Villari, morto ieri nella sua casa di campagna a Cetona (era nato a Bagnara Calabra il 12 luglio 1925), non scompare solo uno dei maggiori storici italiani del secondo dopoguerra, ma anche il rappresentante di un mondo intellettuale che non c’è più e...
    Leggi questo articolo →


  • Perché il socialismo scompare ovunque

    Appena fu formalizzata la candidatura di Martin Schulz, qualche mese fa, i consensi al Partito socialdemocratico nei sondaggi si impennarono. Sembrò quasi che la quarta vittoria consecutiva di Angela Merkel ad una elezione federale, fino a quel momento data per scontata, fosse seriamente insediata. Poi...
    Leggi questo articolo →


  • Allah e la scienza

    “Per alcuni secoli, non ci fu campo del sapere…in cui i musulmani non poterono orgogliosamente vantare la loro superiorità”. Così scrive Luciano Pellicani nell’introduzione all’ interessante libro di Elio Cadelo, ora pubblicato dall’editore Palombi: Allah e la scienza: un dialogo impossibile? (pagine 239, euro 14)....
    Leggi questo articolo →