http://blog.rubbettinoeditore.it/wp-content/uploads/2013/04/renzi-685x280.jpghttp://blog.rubbettinoeditore.it/wp-content/uploads/2013/03/papa-685x280.jpghttp://blog.rubbettinoeditore.it/wp-content/uploads/2013/01/montecitorioOK-685x280.jpghttp://blog.rubbettinoeditore.it/wp-content/uploads/2013/02/napolitano-685x280.jpghttp://blog.rubbettinoeditore.it/wp-content/uploads/2013/02/moneta-685x280.jpghttp://blog.rubbettinoeditore.it/wp-content/uploads/2013/02/napoli-685x280.jpghttp://blog.rubbettinoeditore.it/wp-content/uploads/2013/01/obama1-685x280.jpg
loading...

  • Settant’anni, ma non li dimostrano…

    Vengono in questi giorni celebrati in pompa magna i settant’anni della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, proclamata dall’Assemblea generale delle Nazione Unite alla fine del secondo conflitto mondiale come colonna portante dell’auspicato mondo migliore. Una dichiarazione di principi, promossa della vedova di Roosevelt, e alla...
    Leggi articolo →


  • Velocemente indietro

    Il rallentamento della crescita, fino al segno negativo del terzo trimestre, con ogni probabilità tale anche nel quarto, quello delle feste, che stiamo vivendo, è generato e genera una contrazione dei consumi e degli investimenti. Un governo che ne fosse consapevole dovrebbe accudire con amore...
    Leggi articolo →


  • Codici culturali

    In Italia meridionale – meno di un secolo fa – chi commetteva un delitto d’onore veniva assolto. Per capire che il delitto d’onore fosse un crimine gravissimo, fu necessario che siciliani e calabresi emigrassero negli Stati Uniti. Nell’Europa di oggi sta accadendo qualcosa di simile,...
    Leggi articolo →


  • Un anno passato pericolosamente: il 2018; si riapre una stagione di incertezza.

    Forse il nocciolo duro europeo resta lento ma, in Italia, il Sud e il Nord si lamentano entrambi di una lenta crescita ma dovrebbero essere condivisi tra loro. Ed è strano che quando la crescita in Italia, dal 2014 al 2017, si espande non sia...
    Leggi articolo →


  • Ocho Macho Off

    I had just dedicated an article to the “Ocho Macho”, an important Hungarian musical group, when a resounding post appeared on Facebook: “Ocho Macho Off”: Marton Szalai left forever the group with whom he had played over fifteen years. When you read something like that...
    Leggi articolo →


  • O la faccia o la testa

    Forse la notizia non è abbastanza cattiva da catturare l’attenzione degli astanti, oramai drogati da linguaggi e concetti bettolari, ma temo solo non la si sia capita. Fitch s’è mossa con mano leggerissima, rivedendo la crescita del nostro prodotto interno lordo all’1% nel 2018 (era...
    Leggi articolo →


  • Carattere degli italiani

    Il carattere degli italiani ha dato il peggio di sé nelle offese alla Cina da parte degli stilisti Dolce&Gabbana. In Italia non se ne parla, gli spettacoli di intrattenimento sono tabù, giornali e telegiornali, a maggior ragione e per i loro interessi, preferiscono glissare. Eppure,...
    Leggi articolo →


  • Ai posteri…

    Ultra novantenne, se ne è andato colui che, con il senno di poi, deve essere considerato uno degli ultimi rappresentanti della razza di  statisti, in evidente esaurimento. Di quelli, per intenderci, il cui impegno principale è rivolto alle generazioni future piuttosto che alle prossime elezioni....
    Leggi articolo →


  • “Ocho Macho” at the “Picture-On” / Rock Festival in Bildein, Austria, 2018

    At the Picture-on Festival Rock in Bilden, Austria, a few years ago I listened to a band of young Hungarians, ready to emerge and attract the interest of international critics. So it was: they were the “Ocho Macho”. They had impressed me with the enthusiasm...
    Leggi articolo →


  • Attendiamo un segnale…

    L’Italia è bloccata. Attende un segnale, dice il nostro Primo Ministro: dall’Egitto, del quale ci siamo avvalsi per l’incontro di Palermo sulla Libia, ma che ostracizziamo per il caso Regeni; dalla Russia, con la quale continuiamo a flirtare nonostante le sue ripetute prevaricazioni con l’Ucraina;...
    Leggi articolo →


  • (A)Social

    Abbiamo un’opportunità, ma anche un problema. La tecnologia digitale offre infinite opportunità di conoscenza ed espressione. Purtroppo molti la utilizzano in modo inappropriato. È bello che tante più persone possano accedere a molte più informazioni, ma preoccupante che la superficialità si generalizzi. Pensate solo alla...
    Leggi articolo →


  • La strettoia di Kerch

    La Russia non si è fatta scrupoli nello scuoterci dal torpore nel quale avevamo avvolto il suo comportamento in Ucraina. Con un’operazione non più mascherata come incidente casuale, bensì drammatizzato alla luce del sole, ha lanciato l’ennesima sfida all’intera comunità internazionale. L’annessione della penisola di...
    Leggi articolo →


  • Bambini di cui vergognarsi

    Si devono soccorrere i minori abbandonati o in gravissimo stato di disagio? Certo che sì. Senza fare distinzioni. Ci mancherebbe. Adesso, dopo averlo detto, scopriamo perché non lo si può fare e perché, se proprio devi essere disgraziato, ti conviene essere straniero. La legge italiana...
    Leggi articolo →


  • Włochy

    I polacchi ci chiamano Włochy con “ł” che si pronuncia quasi come “u” e “chy” che si pronuncia quasi come “ki”, quindi quasi come “Vuoki” per dire Italia, “Włoch” (Vuok) per dire “un italiano” e “Włoszka” (Vuosceka) per dire “una italiana”. Sono diverse le teorie...
    Leggi articolo →


  • In Memoriam di una diplomazia

    Uno degli ultimi ‘grandi’ della diplomazia italiana se ne è andato, alla veneranda età di novant’anni. Luigi Vittorio Ferraris sfuggiva agli stereotipi che continuano a sminuire l’essenziale funzione delle ‘feluche’. L’abito infatti non fa il monaco, nemmeno quando il ruolo da svolgere è di valorizzare...
    Leggi articolo →